Sette Cappelli, con terrazza e splendida vista su Ragusa Ibla

Ragusa Ibla (Ragusa)
Vista panoramica Vista panoramica
Terrazzo Terrazzo
Auto consigliata Auto consigliata
Wi-fi Wi-fi
Aria condizionata Aria condizionata

Prenota

Dal
Al
Adulti
Bambini

Preventivo


   Ragusa Ibla (Ragusa)
 Sette Cappelli


Caratteristiche

Ideale Per:
2/4 Persone
Max per:
4 Persone
Camere:
1
Bagni:
1
Dimensione:
70 m2
Giardino:
No
Piscina:
No
Climatizzazione:
Si
Vasca idromassaggio:
No
Doccia idromassaggio:
No
Campo da tennis:
No
Campo da calcio:
No
Campo da basket:
No
Cassaforte:
No
Internet Wi-fi:
Wi-fi
Posto Auto:
No
Automobile:
Consigliata
Accesso disabili:
No

Sette Cappelli, con terrazza e splendida vista su Ragusa Ibla

Esclusivo appartamento a Ragusa Ibla, con vista mozzafiato su Ibla e la vallata circostante. Ha interni sofisticati e una grande terrazza panoramica e si trova in un quartiere pittoresco, a pochi passi dal centro e dai monumenti della città. E’ ideale per una vacanza romantica.

Descrizione
L’appartamento Sette Cappelli si trova al primo piano e gode di una terrazza panoramica che offre una delle più belle vedute di Ragusa Ibla. 
La terrazza è in parte coperta da una tettoia ed è arredata con salotto da esterno.
Gli interni sono arredati con gusto e curati in ogni dettaglio.
Attraverso una scalinata di ingresso, si ha accesso ad un disimpegno con un antico divano di antiquariato dal quale si è introdotti nei due ambienti principali: la stanza da letto e il soggiorno.
La camera, con letto matrimoniale, ha accesso alla terrazza e gode di vista panoramica. E’ arredata con mobili antichi e offre una cabina armadio.
Un ampio soggiorno è arredato con divano letto (due posti), televisore e mini frigo.
Un grande e lussuoso bagno è dotato di doccia ed elegante vasca in stile antico.
Aria condizionata e ventola a soffitto nella camera da letto e nel soggiorno.
L'alloggio non è dotato di cucina o angolo cottura.
Connessione Internet Wi-Fi.

Posizione
L’appartamento Sette Cappelli è situato in pieno centro storico, a Ragusa, capoluogo dell’omonima provincia, nel Sud Est della Sicilia. 
Si trova al primo piano di un edificio affacciato su una caratteristica piazzetta a gradoni che offre un bellissimo belvedere e dalla quale ha inizio la scalinata antica che congiunge i due centri storici di Ragusa, attraversando palazzi secenteschi, chiese e monumenti signorili.
E’ situato su Corso Mazzini, che da Ragusa Nord arriva sino al cuore barocco di Ragusa Sud (Ibla), offrendo numerosi e suggestivi scorci panoramici.
Il quartiere di Santa Maria delle Scale, uno dei più antichi di Ragusa, affascina i visitatori con la sua atmosfera tipicamente siciliana data dalla presenza di casupole, vicoli e antiche stradine in pietra bianca, e con la vista mozzafiato che si può godere affacciandosi verso la vallata, dominata da Ibla e dal suo maestoso Duomo di San Giorgio. 
L’alloggio è situato, inoltre, a 25 km dalle spiagge di sabbia di Marina di Ragusa e a 28 km dall’aeroporto “Pio La Torre” di Comiso.

La storia e il quartiere
L’appartamento Sette Cappelli (denominazione con la quale ci si riferiva, in chiave ironica, ai nobili di quartiere) e i suoi interni strizzano l’occhio ad un mondo siciliano aristocratico e sono caratterizzati da cromatismi e scelte d’arredo ironiche ed eclettiche.
L’edificio che oggi ospita l’appartamento Sette Cappelli è una delle prime case costruite a Ragusa all’indomani del terremoto del 1693 che distrusse buona parte del Val di Noto e che sancirà la nascita del barocco ibleo. Sorge su una piazza gradinata, luogo di incontro di manifestazioni liturgiche, sociali e, più di recente, set cinematografico (il regista Giuseppe Tornatore, negli anni novanta, la scelse come set del film “L’uomo delle stelle”, numerosi gli spot televisivi, cosi come le scene qui girate dalla serie del commissario Montalbano che più di ogni altra hanno contribuito a rendere famosa questa scalinata; Sette Cappelli e i suoi interni sono stati inoltre il set dell’ultimo episodio della serie ispirata ai racconti di Andrea Camilleri, ”Il metodo Catalanotti”). In questa piazza, fino a qualche decennio fa, tutti gli abitanti del quartiere si riunivano per recitare il rosario, dal popolano più indigente e modesto, al nobile, cosiddetto signore dai “SETTE CAPPELLI”. Poco distante dal quartiere, percorrendo scalinate e vie tortuose, sorge il quartiere arabo di San Paolo, detto “Raffo” per la sua caratteristica struttura a terrazza. Nel 1100, Ruggero il Normanno, scelse proprio questo quartiere, come sito per un nuovo monastero cistercense che circa due secoli dopo venne trasformato in Chiesa, denominata Santa Maria delle Scale. La posizione strategica di quest’ultima la rese, all’indomani della ricostruzione post terremoto, punto di demarcazione geografico tra la Ragusa superiore, dei cosiddetti “sangiovannari” (devoti di San Giovanni, patrono della città “nuova”) e la Ragusa inferiore dei cosiddetti “sangiorgiari” (devoti di San Giorgio, patrono di Ragusa Ibla). Si racconta che proprio qui, delle vere e proprie sentinelle, al grido di “Cu Viva?” si appostassero per controllare che nessuno “straniero” osasse oltrepassare i confini del proprio territorio. Gli interni e i criteri architettonici e di design dell’alloggio rappresentano altrettanti racconti: le storie di una famiglia eclettica che si intrecciano a quelle di un luogo ricco di suggestioni, in un’estetica ibridata tra gli Iblei e Milano e tra due generazioni.

Consigliato Per ...
Una coppia che vuole soggiornare in una location panoramica e raffinata e in pieno centro storico. E’ ideale per chi vuole muoversi a piedi in città, alla scoperta dei monumenti barocchi, e per chi vuole spostarsi facilmente in auto per visitare i dintorni di Ragusa e le mete barocche del Val di Noto (Modica, Scicli, Ispica).

loader loading
Operazione in corso...